Se non sai cosa fare in Sardegna dopo aver visitato la bellissima cittadina di Olbia, ti consiglio di recarti ad Aggius, uno dei luoghi più suggestivi ed affascinanti di tutta la Gallura.

Proprio Aggius, infatti, consente ai visitatori di ammirare un panorama decisamente mozzafiato, di immergersi nella natura sconfinata e di andare alla scoperta di laghi e parchi naturali.

Un contesto naturalistico straordinario che rappresenta una risorsa importante per il territorio diventato meta di escursionisti e amanti del cicloturismo.

Ma Aggius è conosciuto anche, e soprattutto, per la tradizione della lavorazione artigianale di tappeti. Ancora oggi si possono ammirare le tessitrici a lavoro, intente a difendere e tramandare l’identità culturale del paese.

Nel Museo Enotografico di Aggius si può ripercorrere tutta la storia della lavorazione artigianale del tappeto, oltre che conoscere l’interessante storia delle popolazioni che hanno abitato in questa zona della Sardegna. Avrai la possibilità di assistere a rievocazioni storiche decisamente molto interessanti.

Il centro storico di Aggius

A prima vista Aggius pare scolpita nel granito. Camminando per le viuzze gli occhi indagano ogni pietra, ma ci vuole una vista particolarmente buona, o più semplicemente la dritta di un abitante, per individuare alcuni segni particolari.

Nella Piazza dell’Ordito già la targa del nome dovrebbe risvegliare la curiosità dell’ospite (ad Aggius, più che turisti, si ha la gradevole impressione di essere ospiti; impressione confermata dalla cortesia di tutte le persone in cui ci si imbatte e dalle quali si viene salutati come concittadini, abitudine di buona educazione ormai persa in quasi tutto il “continente”).

Si guardi allora per terra alla ricerca di “chiodi” di ferro. Ovviamente non sono posizionati a caso, ma difficilmente si riesce a comprenderne la ragione, senza l’aiuto di qualche Aggese. Il segreto è presto svelato: una volta tolti i chiodi, si infilavano dei bastoni di legno per lavorare alla filatura.

In una stradina poco distante si può ammirare un vero e proprio tappeto di pietra, realizzato come omaggio all’attività che per secoli ha impegnato le donne del paese.

Storia, cultura e tradizioni, sono senza alcun dubbio le caratteristiche peculiari di questa affascinante località sarda che non farà alcuna difficoltà a restare impressa nei cuori e nelle menti di tutti i visitatori.