La Gallura è la parte nord-orientale della Sardegna che comprende la provincia di Olbia-Tempio. Sul territorio gallurese ci sono 24 comuni, situati tra costa e interno tra i quali la bellissima isola “La Maddalena” sul mare e il caratteristico paese di Aggius nell’entroterra.

La Sardegna è una regione che ha mantenuto inalterate nel tempo le sue tradizioni e la Gallura non è da meno. Infatti, i piatti tipici della Gallura sono tanti e le loro origini sono avvolte dalla nebbia dei tempi. Se vuoi conoscere le tradizioni culinarie locali, basta recarti in uno dei comuni della Gallura e la gente del posto, ospitale e cordiale, ti riceverà a braccia aperte.

L’elenco dei piatti tipici della Gallura è lunghissimo ma se vuoi veramente gustare una pietanza gallurese, non puoi perderti “LI PULICIONI GADDURESI“, squisiti ravioli di semola di grano duro, farciti con ricotta di pecora, uova, un pizzico di zucchero e scorza di limone.

Un altro piatto sorprendente è la “Sùppa cuata”, un vero capolavoro della tradizione culinaria locale. Non deve trarre in inganno il nome “suppa” perché si tratta di un piatto al forno simile a una lasagna. Per farla hai bisogno di un buon brodo di carne di pecora, molto saporito, tanto pane, qualche fetta di panedda (provola a pasta filata a forma di pera), pecorino sardo grattugiato insaporito con vari odori (prezzemolo, finocchio selvatico, basilico, pepe, menta e pomodoro secco).

In una teglia si mettono le fette di pane alternandole a fette di “panedda”, un tradizionale formaggio a pasta filata della Sardegna a forma di pera e perciò detto anche “peretta di vacca” e a manciate di pecorino. Il tutto si bagna con il brodo e si mette a cuocere nel forno a legna. Una delizia che non dimenticherai facilmente.

suppa-cuata-gallurese

Per quanto riguarda lostreet food“, sono deliziosi i cartocci di fritto misto di pesce e, sicuramente, apprezzerai le rosticcerie, che potrai trovare facilmente perché i sapori e gli odori che escono dalle loro postazioni ti guideranno, indicandoti la strada da percorre.

E come dimenticare la “Trippa di vitello gallurese con fagioli”, servito in tavola con qualche croccante fetta di pane Carasau. Questo piatto è un secondo molto sostanzioso che puoi provare a preparare facilmente a casa, per ricordarti dei sapori della Gallura. Scarica la ricetta qui.

Serviranno sedano, cipolla e carota per fare un soffritto, al quale dovrai aggiungere anche la trippa bollita in precedenza e tagliata a listarelle, insieme all’aglio, alla scorza di un limone, al prezzemolo, al finocchietto selvatico e a un bicchierino di Vermentino. Alla fine metti i pomodori pelati, un mestolo di brodo e i fagioli borlotti, già bolliti.

Se vuoi assaggiare un dolce tipico della Gallura, “li acciuliddi”, treccine di pasta, sono spettacolari e, nello stesso tempo, semplici da fare. Dovrai impastare la farina con lo strutto e con le uova, stendere la foglia e tagliarla in striscioline che poi friggerai nell’olio e passare nel miele.

acciuliddi

E infine i “Rujoli”, ravioli dolci con farina, zucchero, scorza di limone e formaggio fresco, un trionfo di gusto che ti conquisterà.

Gustare queste pietanze ti farà tornare con la mente nella Gallura, a rivivere le tue vacanze in Sardegna.

Scopri tutte le nostre offerte per la tua vacanza vicino a Tempio Pausania.

 

Photo credit: SenzaPanna.it