La Storia de La Vignaredda

La Vignaredda, una dimora antica di Aggius sempre viva e accogliente

Questa è una breve storia de La Vignaredda Residenza di Charme. Vignaredda significa “piccola vigna” e la nostra casa prende nome dall’antica vigna su cui si affacciava in passato e che adesso ospita il giardino, l’orto e il frutteto. Come molte delle case del vicinato, La Vignaredda risale alla fine del ‘700. Venne donata dal padre Francesco alla bisnonna Caterina e al marito Salvatore come dono di nozze. Questa grande dimora accolse gli sposi e in seguito i loro 14 figli.

Molti dei figli preferirono una vita da single coltivando interessi politici e intellettuali. Tra loro ricordiamo bene il prozio Pier Felice, giornalista, uomo politico antifascista, membro della Assemblea Costituente che partecipò alla stesura della Costituzione Italiana.

Ma colui che si occupò molto della Vignaredda fu il nonno Giovanni che piantò un grande frutteto dal quale ancora oggi provengono fichi, melegrane e prugne per le nostre marmellate. Qui è ritratto con la nonna Itria: bella, elegante e colta fu fautrice dell’indipendenza economica delle donne. Pur vivendo tutti lontani da Aggius, a settembre (mese in cui in Gallura le giornate sono terse, luminose e tiepide) tutta la famiglia si riuniva in occasione della vendemmia e della raccolta della frutta.

Non ho conosciuto i nonni Giovanni e Itria, mancati assai giovani. Mia madre, oltre a lasciarmi questo prezioso bene a cui sono molto affezionata, mi ha raccontato tante storie dei suoi genitori che io purtroppo non ho potuto conoscere. Ora nello studio della casa si possono vedere, come in un affascinante viaggio indietro nel tempo, i ritratti delle persone che hanno abitato e amato questa casa.

Nell’ultimo anno dell’800 La Vignaredda si incendiò: i muri di granito resistettero ma si distrusse la struttura in legno. La bisnonna Caterina la fece ricostruire, completandola nel 1901. Dopo 100 anni, nel 2001, ho sentito il bisogno di mantenere viva la nostra casa con un restauro che ne ha rispettato la struttura e gli antichi arredi. Al contempo l’ho dotata di servizi e miglioramenti per essere sicura e confortevole.

Mi ha guidato in questo restauro l’intenzione di renderla un’ospitale residenza per vacanze in cui gli ospiti possano sentirsi come a casa propria, godendo dei servizi di una residenza di charme. Mi guida anche un costante desiderio di accogliere gli ospiti con la stessa attenzione che riserviamo agli amici di famiglia e diamo loro tutte le informazioni utili affinché si sentano in brevissimo tempo parte della comunità e del territorio che stanno visitando e possano immergersi negli aspetti più autentici e possibilmente inaspettati e sorprendenti della nostra terra (senza rinunciare al Wi Fi).

Benvenuti a La Vignaredda!
Cristina, pronipote di Caterina